Come costruire castelli di sabbia con i bambini
21-08-2017

La vacanza al mare con i bambini è giochi all'aria aperta, corse in bicicletta, giornate in spiaggia, gelati, risate, tuffi e castelli di sabbia…. da non far crollare. Come? Proviamo a darvi alcuni consigli!

Onde improvvise, passanti distratti, sabbia che non tiene, bambini dispettosi… tutto trama contro la costruzione del nostro castello di sabbia su cui, fiduciosi, investiamo impegno e inventiva. Senza contare che al crollo del castello, riecheggia un “nooo” che esprime tutta la delusione dei bambini che “ci avevano creduto”.

Esistono scultori professionisti che creano castelli di sabbia da sogno, esistono gare più o meno importanti in cui si sfidano i più bravi creatori di sculture di sabbia.

E allora perché il nostro castello di sabbia sia bello e un po’ più resistente, proviamo ad adottare i loro stessi accorgimenti che sono validi sia per le sculture di sabbia semplici che per le costruzioni più complesse:

  1. La scelta del posto. Bisogna scegliere con cura il punto in cui costruire il nostro castello di sabbia. Innanzi tutto occorre evitare che la costruzione sia di intralcio per l’accesso al mare, poi bisogna calcolare il punto massimo in cui arrivano le onde in modo da mantenersi a debita distanza. Se la sabbia bagnata risulta troppo lontana, scaviamo, vicino alla nostra postazione, una buca profonda dalla quale attingere. È importante cercare di arrivare in spiaggia piuttosto presto, quando c’è tanta gente tutto risulta più difficile.
  2. La sabbia. Scegliamo della sabbia che sia il più possibile pulita, il risultato sarà migliore.
  3. Le fondamenta. Quando si costruisce un castello di sabbia, la cosa più importante è predisporre delle fondamenta solide. Per farlo, stendiamo uno strato di sabbia bagnata e compattiamola bene battendo con le mani e con i piedi.
  4. Il mucchio. Pronte le fondamenta, prepariamo un mucchio abbastanza alto di sabbia bagnata. Non è importante rendere subito perfetta la forma del castello di sabbia, quanto piuttosto renderla compatta.
  5. Le forme e i dettagli. A questo punto, possiamo modellare le forme del nostro castello, mantenendo sempre la sabbia umida, magari con l’aiuto di uno spruzzino per l’acqua. E poi via libera alle decorazioni con formine, conchiglie, bandierine e sassolini. Per rifinire i dettagli dovremo lavorare dall’alto verso il basso servendoci di piccoli attrezzi come rastrelli e cannucce.
  6. Le foto. A opera d’arte finita, via libera alle foto…il nostro castello di sabbia ahimè, anche con tutti gli accorgimenti del caso, non durerà per molto!

La mammacuriosità. Pare che il segreto per costruire il castello di sabbia perfetto esista! La formula “magica” è tutta nella giusta quantità di acqua: la proporzione perfetta è di 1:8, ossia un secchio d’acqua ogni otto di sabbia. Parola del prof. Matthew Bennett, docente di scienze ambientali e geografiche alla Bournemouth University che, armato di secchiello e paletta, ha condotto sull’argomento, uno studio meticoloso sulle spiagge inglesi.